Controllo email dipendenti: i limiti di legge

Il controllo delle email dei dipendenti da parte del datore di lavoro è una violazione delle norme europee sul diritto alla privacy: lo sottolinea una recente sentenza della Corte europea dei diritti umani in relazione a uno specifico caso di licenziamento, motivato dall’utilizzo della posta elettronica per scopi personali durante l’orario di lavoro. L’impresa aveva scoperto il fatto monitorando e leggendo i messaggi di posta del dipendente.

Un comportamento che la Corte Europea, con sentenza 61496/08, definisce contrario a quanto prevede l’articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, in base al quale:

«ognuno ha il diritto al rispetto della privacy relativa alla propria vita, a quella della sua famiglia, della sua casa e della sua corrispondenza»

La sentenza ribalta un precedente pronunciamento della stessa Corte, che aveva dato ragione al datore di lavoro, il quale aveva fatto firmare ai dipendenti appositi documenti contenenti le policy aziendali sull’utilizzo della posta elettronica. Dietro ricorso, in secondo grado è stato ritenuto che la privacy non sia sufficientemente protetta se il lavoratore non sa che l’azienda può controllare la sua posta, protetta da apposita password. E, in ogni caso, le policy aziendali non possono azzerare il diritto alla privacy del dipendente.

In generale, la Corte sottolinea che il concetto di vita privata espresso dall’articolo 8 della convenzione vada esteso anche alla vita professionale, e che lo stesso discorso valga anche per la corrispondenza. Fra l’altro, prosegue la sentenza, la legge non prevede alcuna restrizione al concetto di corrispondenza, limitandosi a sancirne il diritto alla riservatezza. Il che impedisce al datore di lavoro comportamenti eccessivamente intrusivi.

Ricordiamo che la giurisprudenza italiana condivide i principi sanciti dalla sentenza europea appena descritta: il Jobs Act ha introdotto nello Statuto dei Lavoratori elementi di flessibilità sui controlli a distanza, anche per stabilire indirizzi generali a cui uniformarsi nell’utilizzo delle nuove tecnologie. Per esempio, ha eliminato l’obbligo di procedure sindacali per legittimare l’utilizzo da parte dei dipendenti di smartphone o pc aziendali. Ma anche anche vietato di utilizzare tecnologie che ne consentano il controllo a distanza.

Il Garante della Privacy in un documento del febbraio scorso ha specificato che il datore di lavoro non può in alcun modo effettuare attività idonee al controllo massivo, prolungato e indiscriminato dell’attività del lavoratore, deve sempre salvaguardarne la libertà e la dignità, e comunque informare in modo dettagliato il dipendente della policy relative all’utilizzo dei device aziendali.

 

 

 

Ripartenza e ricostruzione, Api e Aniem: “La burocrazia uccide le imprese”

Chi dovrebbe essere di impulso nella risoluzione pratica dell’operatività imprenditoriale continu...


Avvio bando FAPI ANTI COVID

Il FAPI ha appena pubblicato un bando con cui intende supportare le aziende iscritte con più di 3...


Decreto 10 aprile 2020 e circolare prefetto

Il Decreto 10 aprile  le cui disposizioni producono effetto dal 14 aprile 2020 e sono efficaci fi...


Emergenza economica Covid 19 - Istanze Confapi inviate al Governo

Pubblichiamo le istanze inviate al Governo da Confapi in vista del nuovo imminente Decreto.

Confa...


Covid-19_ Gli interventi a sostegno dell'economia regionale

L' Associazione in queste settimane si è prodigata con tutte le proprie energie per sollecitare g...


Covid-19 Cassa integrazione in deroga - Regione Abruzzo

Avviso importante

Pescara, 6 apr. - In riferimento all’accordo quadro di cui al CICAS del 30.03.2...


Articolo Corriere della Sera e agenda media del Presidente Casasco

Gentilissimi,

trasmettiamo in allegato l’articolo pubblicato dal Corriere della Sera di oggi in c...


FAQ Agenzia delle Entrate su Cura Italia

Gentilissimi,

inviamo le ultime agenzie sulle dichiarazioni del Presidente Casasco, unitamente ai...


CONVENZIONE ABI ANTICIPO CIG - Circolare ABI

Comunichiamo che ABI ha trasmesso al sistema bancario la circolare esplicativa sulla convenzione ...


Covid 19 - Accordo nazionale per anticipo degli ammortizzatori sociali

Si informa che la nostra Associazione nazionale CONFAPI ha sottoscritto con l'ABI (Associazione ...


Coronavirus: API, proposte nell’immediato e nuove opportunità per un futuro migliore.

 Egregi,

Associati

pubblichiamo la lettera di proposte e riflessione che il Presidente dell...

INPS: Cassa integrazione per COVID-19 e ferie

Gentile Associato,

il 28 Marzo l'INPS ha pubblicato una circolare tecnica-operativa su tutti gli ...


Slide INPS - Covid 19

Egregi

Associati

pubblichiamo le slide INPS che chiariscono al meglio le procedure di Cassa Integ...


Nuovo DL Covid-19 e Decreto Mise revisione codici Ateco

Segnaliamo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DECRETO-LEGGE 25 marzo 2020, n. 19 recante ...


Nuovo modello per le autodichiarazioni

Il nuovo modello da utilizzare per le autodichiarazioni è online, ma sarà anche in dotazione alle...